Testamento 2014


Testamento 2014

Conzitadini zovini e véci, indigeni e oriundi, taliani, austriacanti, furlani, santi, beati, mascalzoni, clandestini, parfin ladri sassini, tuti deventai monfalconesi, tant noi ciolemo bei bruti, mantignimo tuti, ghe paghemo l’afit, luce, aqua, gas, ghe demo un assegno ai finti mati, ai finti poreti! Mai come des, xe proprio ver, che chi pianze più paga meno!

E noi bisiachi che semo moni, no semo boni de pianzar come cocodrii, e cussì cuntinuemo a pestarse le bale bassoi, e ingiutir mila rospi! Sveemoseeeeeeeeeee!!!!!!!

Zoramai le scovaze le paghemo come l’oro de Cernigoi zente; noi paghemo e Mofalcon xe senpre più un scovazon, pissade, cagade, e dir che la biondina, la ga promes de andar ela, a inpararghe a chi che la fa ta i tunbini e pa’i cantoni, a dirghe che xe ani che xe sta inventà i cessi, e che no vémo ne canalete ne vache in mezo la strada!

Udio, anca se par le vache magari, no son tant sicuro!!

No volarie che tra un poc, par vignirghe incontro, no i mete tunbini fati a forma de bucal, e pa’i cantoni dispenser de carta de cul. Perché xe anorun che no xe quei che riva a inparar le nostre usanze, ma semo noi che soportemo le sue, e guai dirghelo a la truppa del rudere qua drio, te pol ris’ciar che i se incaze e i te ciape par un razista, tant cossa te vol che sie par un poc de muceti de caca qua e la, quando che lori de caca i ghe ne fa ogni zorno a quintai, senza pagar un Euro, anzi pagadi par farla!!

A proposito de razismo cio, savé che l’altro ano go vu la sbigula che i me mande soto proces a Norinberga; un mese de cagnara ciò, de spetarse che i ghe daghe de razisti a quei de Staranzan, vist che lori le raze i se le magna!

Ma cossa volé farghe, su trentamila de lori, deve pur essar calchidun che ghe cresse i rizi par drento no?  Una la ga dit che Anzoleto al deve sólche far ridar, mi me scuso cui monfalconesi, ma no xe colpa mia se sta qua la fa più ridar de mi!!   Ma Anzoleto perdona, perdona ma no xe mona savé!!

Parchè cara la me magnadora, voi somee zoramai al titolo de un film: “Al sorriso perduto!” Perduto ta le banchine del porto, ta i fumi de l’Endesa, ta le case de Panzan, ta le aree verdi, cui assessori che come sorzi i  bandona la nave che va fondo, e ta i casini de una Mofalcon, che no se gnanca stai boni de farla restar come che la era!

Par iustar al cumun, vist che i schei no riva, ghe volé dar anca al “marcà covert!” Se va vanti cussi, cara la me biondina, te dovarà darte anca ti come pegno, e magari come zonta de pan de fighi la Morsolin e la Benes!

E dir che ve dit che’l cumun se inpegna al massimo pa’l zentenario de’la

“granda guera!” E dopo no fe gnente par quela che vemo qua ogni zorno!

Des capisso parché xe zente che cuntinua vignir a Mofalcon, anca se qua vemo l’aria de carbon, al mar de memele, strade che no digo, i se da cortelade, i se copa, i ladra par tut….Zente disemose la verità, i vien qua parché tute ste robe, qua se le pol far!!

Pensè che no se stai gnanca boni, de far andar la zente pa’le piste ziclabili, e no parlemo de le bici incadenade ta i pai!

No sarà che le lassé li, parché cussi no i roba i pai?

La zente no ghe la fa più cul degrado, e cui “soggetti pericolosi!”

Forse xe ora magnadora, che par farne restar in pase, fe le valize e ve trasferì tuti ta le sghitade de la cassa de colmata! Parché qua me par che se voi i “soggetti più pericolosi!”

Cossa se pol pratendar, da chi che par conbattar bulismo e delinquenza, i vol farghe far ai putei, corsi de autodifesa, Karatè, Karabote, Karasciafe,

no xe che prima o dopo ghe regalaré i Kalasnicov!!

Ma cossa se pol spetarse da un paese che ciol pa’l cul ‘nca i morti, vist che se li manda a crepar in ziro pa’l mondo, e dopo se ghe fa funerai, andove i stessi che li ga mandai, i pianze come videi! No xe ganbià gnente, dai putei crepai ta’l quindese-disdoto! E des dopo zento ani, pa’i soliti afari, i ghe fa la festa pa’la seconda volta! Salvadeghi!!

Des cantemo tuti fratelli d’Italia, e dir che des  semo tut fora che fradei!

Governi tecnici, de emergenza, grili che canta, cornace che crecula, orgoi de sinistra, orgoi de destra, de zentro, nissun che parla de la dignità de la zente, che soporta tute le putanade de chi che ga careghe, poltrone, schei e panatica assicurada!! Politici che ne dise continuamente quant bravi che i xe, quando che no te ghe ne trove un che xe un, mei dei bravi de Don Rodrigo!! E dopo se parla de integrazion, ma se quei che ne governa no se ga gnanca integrà cun noi taliani!

E l’Europa po, semo sinzieri zente, cui francesi senpre cu’la spuza soto ‘l naso! I tedeschi po, che no i ne pol vedar e i ne ciapa par parassiti de copar cul flit! E no parlemo  dei inglesi, che no i ga mai podù vedar nissun.

E la meza Europa che vémo za in casa, che i ga ciapà cun noi tanta de quela cunfidenza, ma tanta cunfidenza, che più de calchidun al ven farne visita, anca quando che noi in casa no semo!!

E po chi no vede che i se sta conprando Mofalcon, altroché anatra a la naranza, prest varemo sti mati che i ne servirà al nostro falco a l’arancia, e sta piaza la deventarà piazaTien a Men due! Par furtuna Anzoleto e tanti bisiachi,  xe anorun che i festeza in privata l’ano de la scimmia, e par far al so carneval, sarie fazile trovar ta la magnadora la testa pa’l drago!

Anzi a proposito, voi dirghe a tuti quei che ciapava l’aereo, par andar in zerca de l’esotico, che des basta che i vaghe a pìe, in Via Sant’Ambrogio!!

E dir che no i sa come  riscatar i dó “marò” prizonieri in India, quando che noi qua cun quei che vemo,  se podarie sganbiarli cu’n regimento!!

Pensé zente che me ero racomandà, che pa’l zinquantesimo ano che fago Anzoleto, me gavarie  gavà qualche sasset da le scarpe, ma qua zente altroché sasseti, go le scarpe piene de giara altroché monade!!!

I fa un casin cun sta Imu congelada, quando che xe un sac de Mofalconesi za congelai, parchè no i ga schei par pagar al riscaldament!

E lori se zuga  cui vasi de fiori del Corso! E son de savoltar la piaza i ga fat deventar al cumun un rudere de Pompei! Ghe ga rimes le piume anca la biondina, stramazada davanti la ex Pretura, un tufo belonon a la Cagnotto, tant che semo restai cu’na sindachessa, se fa per dir, senza polso!!

E xe inutile che cun quelaltra marpiona, le perde tenp a magnarse al tiramesù de Pieris, tant che a noi i ne lo cuntinua a tirar-su!

Vardè le menade su la carbonela pa’la zentrale! Una volta le ferovie regalava sachi de carbon, no volarie che anca sti qua  regale qualche bela  busta, disemo de carbonela!

E dir che vinti ani fa,  bastava che i ghe vaghe drio a Persi, e a sta ora se se varia desmentegà del carbon, e inveze xe sta mei desmentegarse de Persi!

Ma gnente paura zente, Anzoleto ga la soluzion, vist ché ogni cesso de Mofalcon pol deventar un piciul degassificador, e dopo basta culegarli tuti cu’la zentrale, e se la manda vanti a scoreze, che no ga mai copà nissun!!

Pori noi, ogni ventenio pa’i taliani xe sta tragico, da quel fasista, quel democristian, quel de Craxi, e dopo vémo fat vinti ani cu l’omo de la piova, Berlusconi! E des mascherai de comunisti xe tornai i democristiani, che i ne ronparà come cocule de nóu i baloni!!

Ta sto tenp de crisi, i xe preocupadoni parché ta l’Adriatico xe sparì le aragoste, che xe l’unica roba che se pol parmetar de magnar i pinsionati!

Partiti, sindacati, tuti a slavrar che la crisi la scuminzia a corodar le classi medie, diseme voi zente, quando mai i ga fat ‘na lagrema, una che xe una, cui prezi e l’Euro scanzelava le classi elementari!!Salvadeghi!!! No ve fat gnenteeeeeee!!

Xe i poreti savé, i poreti che no riva far la spesa, e ta i suparmarcà i remena ta le man l’ultima oferta, che par lori la xe senpre trop alta!

E pensar che ‘na volta se diseva, che senza luce no se move nanca al Duce!

Qua zente, senza schei no se alza nanca i usei!!

Xe sta quà la cruda realtà de sta zità, altroché la guera par salvar al tiramesù!!

O come cui “puzzle”, zugarse par ani cu’le pierete del corso e de la piaza, par no parlar dei milioni de le terme, andove i ospiti zingadi e cromadi, i podarà ritenprarse t’un panorama de capannoni bandonadi!

O ver mes un capital, par piantar palme ta le rotonde de la strada par Grado; che se i posteza ‘nca un par de camei, pararà de rivar no a Mofalcon ma al Cairo!

Se va vanti cussì, intant che sti mati zuga a s’cinche, finirà che le nove zenerazioni le tavanarà pa’i canpi, si cul telefonin, ma a robar patate!!

Des diseme cossa che sto por omo de Anzoleto pol lasarve in eredità?

Qua zente, altroché gratar al fondo del baril, qua i ne ga fregà anca al baril, e i ne struca come limoni, E se magari ve fa mal al dadrio no ste credar che sie le maroidi savé, ma par decenza, podemo ciamarla pression fiscale!!

E cussì ve lasso al teramot del “patto de stabilità”, colpa de tuti mai de la magnadora, che la ne dise ogni zorno che parvia de lu la ga le man ligade! Altroché man ligade, sti mati xe come le tre simmie, no i sinte, no i vede e no i responde e no i fa un sghit!!

Ve lasso anca al Presidente, che al cuntinua a dirne che anca noi taliani vémo fat l’Europa, peró no’l dise che semo i unici che xe stai pagai como manovai!!

Ve lasso al Papa, che al ga dit: “ No lassarse portar via la speranza!” Che se i mati sa che te ga anca sta benedeta speranza, i te la tassa al 22% !!

Ve lasso anca al matriarcato comunal, da destra a sinistra comanda lore, i omini i conta meno de le crepe ta i muri! Anca se xe ver che no i val tant de più!!

Ma a tute le femene voi lassarghe ‘nca ‘l tac de dodese, che’l slancia la ganba, ma ste tente savé putele, parché a volte ‘l scurta al zarvel!

Ai omini ghe lasso le femene, quele cul tac, senza tac, scolze, curte o slunghignote, vistude o crote, bone de zorno e brave de note, intiere o rote,

basta che le sie parché senza de loro al por omo, no’l starie in pìe!!

Zerto xe quele che perde più tenp a far pulitica, che bazilar cul regipeto senza fereto, o la mudanda cul spahgeto, ma cossa volé no se pol miga ver tuto? Ma al marcà xe grando, la merce tanta e la scelta zerto no manca!!

Ve lasso quei poreti de cani, che i paroni porta fora bonorona o de note, cussì i pol farla in pase sui marciapie, sparagnando al sacheto e la carta par netarghe al culeto!!

Za che parlemo de cani, ve lasso la “Cuccia”, dove che i manda a netar chebe qualche nostra “simpatica canaia”! Come dir da la coca a la cacca!!

E come fago no lassarve al cantier, senza ver rispet e tradir miari de mofalconesi che se ga sacrificà par farlo star in pìe!  E dir che qualchidun che ghe ga senpre magnà sora, al voleva far “Body Jamping” cu’le grue!!

Ve volevo lassar a gratis 3500 libri, ma i nostri sessori che de cultura i ghe ne ga a mastele, no i li ga cioti parché tropa cultura pol far mal! Speremo almeno che i libri,  no i li tache bruzar come che i fazeva una volta!! E fa ridar che no era al furgon par portarli, dozento mui de le scole, una bela borsa paromo, i li portava tuti lori cara la me professoressa!!

Ve lasso anca i mati cui forconi, che par des in piaza i ga picà anca oto manichini. E mi son preocupadon par quando che i  finisse i manichini!!

Ve lasso al parroco cul  so bel Duomo refà, piturà, riscaldà, messe in diretta, su internet, sul tablet, ta’l telefonin, cui miracui che riva par Imeil! E intant Gherghetta i lo frega, e al sposa parfin i Gay!!

Ve lasso i sconti par chi che crepa, funerai “low cost”, pagamento a rate, casse multiple, crepa due paghi uno!

E za che son ve lasso l’obitorio, che era deventà ‘l mei spacio de spinei de la region, i ga dit che par furtuna i ospiti no ga mai sospetà gnente!!

Ve lasso ‘nca la pora zente de la Pro Loco, che son de taiar de qua, taiar de la, cui vede l’assessora i se sconde par tuti i cantoni pa’la paura che la ghe taie anca le bale!!

Ve lasso anca la nova zenerazion de ladri, quei che i te riva a pìe, e i va via in bizicleta, la tua!!!

Me tocca lassarve anca i rioni, che i domanda i domanda, ma i se sinte sólche ciapai par moni!!

Ve lasso tutti i véci, e che no i staghe crepar proprio des, che cui varà zento ani i varà de nóu la vècia casa de riposo!!

E ai zovini ghe lasso i véci, cussì che i se faghe un idea!!

Me toca lassarve de nóu al Del Bello “gallico”, che son de romparghe le bobule a tuti, varemo al liceo che va a vela, parché se sa che xe mei ‘ndar a vela pa’l mar, che studiar!!

E ciapeve anca al paron de la piscina, che come un mago, al te fa “abram cad-abram” e l’insenpia tut e tuti!!

Altro che fa maghezi xe l’Hemingwey nostran, che al svola cussi alt, cussì alt, che prest al scrivarà un libro, su le le cunfidenze che ghe fa la madonnina del canpanil!!

E par ultimo son content de lassarve la squadra del balon, che la xe stada promossa, quela de la pallavolo promossa anca ela, parfin la palacanestro promossa! No ve par che sie una vergogna, che sie proprio Mofalcon a essar stada bociada!!

Alo alo maestro, femo sta sonada che anca sto ano sveemo i stornei!

“Taca banda!!”

Scritto da Glavich Livio “Al Giga”

Letto e interpretato da Sior Anzoleto Postier de la Defonta (per la 50ma volta consecutiva!!!), al secolo Orlando Manfrini